Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

mercoledì 25 febbraio 2015

Spericolato quel crinale


(ap) Cambiano le regole sulla responsabilità civile dei magistrati, la velocità del decidere ha fatto aggio sulla riflessione.
“Un passaggio storico”, è stato annunciato trionfalmente. Forse, la storia si nutre d’altro. Finalmente, “la giustizia sarà meno ingiusta e i cittadini saranno più tutelati", è stato proclamato.

martedì 24 febbraio 2015

L'acqua su una foglia


Poesia di Marina Zinzani

L’acqua che cade su una foglia
scivola lungo insenature misteriose
si annida
accarezza
nutre
dà vita.

lunedì 23 febbraio 2015

In fondo al mare


Racconto di Vespina Fortuna

Il piccolo Iaseth scosse il nonno che piangeva nel sonno.
“Che hai” gli sussurrò all’orecchio per non svegliare tutti gli altri che dormivano sul barcone affollato.

martedì 17 febbraio 2015

Di notte sotto la pioggia


di Marina Zinzani
Tratto da I racconti della pioggia

(ap) Lo sguardo proiettato verso l'esterno, quello che gli altri pensano, come reagiranno. Lo abbiamo introitato dentro, è parte del nostro modo di pensare, e non ci permette di vedere l'essenziale, di capire non solo il giusto, ma il bello.

domenica 15 febbraio 2015

Il giardino segreto


di Valeria Giovannini

(ap) L' "altro da sè" è guardato, osservato, cercato con ammirazione e curiosità: un mondo misterioso ed intrigante. Al quale avvicinarsi con delicatezza e rispetto, mossi dal desiderio di capire e condividere.

giovedì 12 febbraio 2015

Gli occhi di Lella

di Marina Zinzani
Tratto da I racconti della pioggia

(ap) L’atmosfera della pioggia accompagna, con questo racconto, eventi umani in cui il destino di una madre, e prima ancora di un figlio, è nelle mani di un giudice chiamato alla responsabilià di una decisione tormentata, che può cambiare, anche tragidamente, il corso di una vita.

martedì 10 febbraio 2015

Musica di strada


Racconto di Vespina Fortuna

“Che sfortuna” sospirò Jacques ad Antoine che gli dormiva affianco sotto il Pont Notre-Dame.
“Di che ti lamenti?” gli rispose l’altro.
“Non abbiamo nemmeno una casa…”
“E allora? Abbiamo tutta Parigi per noi, cambiamo stanza ogni notte e ogni giorno ci risvegliamo con un panorama nuovo, non sei contento?”

domenica 1 febbraio 2015

Fermare il tempo


Poesia di Marina Zinzani

La trottola che gira
la ballerina che vola sulle punte
un foulard per terra allontanato dal vento
lo sguardo di un cane che chiede qualcosa:
hai voglia di  fermarti
di cullare quel cane
di guardare la trottola
di volare sulle punte.