Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

domenica 12 aprile 2015

Virtù civili

(ap) Non solo Milano, ma il paese intero ha saputo riscoprire le virtù civili del silenzio, dello sgomento, della riprovazione e della solidarietà. Facendo proprie le parole di una madre di fronte all’assassinio del figlio, colpevole di non essere stato nella professione di avvocato una marionetta alla mercé del singolo, e di essersi fatto guidare solo dalla sua testa.

Non era mai successo in un tribunale, si dice. Dimentichi di quanto accaduto negli ultimi tempi in diverse sedi giudiziarie: giudici minacciati, parti aggredite, vittime oltraggiate. Una amnesia colpevole, mentre tensioni individuali, frustrazioni, attese e lungaggini si scaricano sulla fragile cittadella della giustizia. Che non è e non vuole sentirsi assediata. Ma che è fragile ogni giorno di più, martoriata dagli tagli, dalle mancanze di risorse, e ancor più dalla cavalcata dei poteri e dalla tracotanza dei singoli, attenti al proprio tornaconto personale e insofferenti verso le regole e la pratica della buona giustizia.
I fiori lasciati da mani ignote davanti alla stanza di quel giudice stanno ad indicare che forse è possibile fermare il declino, prendere coscienza del baratro, non farsi travolgere dall’indifferenza. Tornare ad apprezzare il rispetto della legalità, non lasciando soli gli uomini che lavorano per essa.

Nessun commento:

Posta un commento