Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

giovedì 30 giugno 2016

Seduto a quel caffè

di Giovanna Vannini

Se ero entrato in un sogno desideravo restarci, se ero sveglio e l’immaginazione mi stava giocando uno scherzo, avrei preso provvedimenti. Ma dopo. Mi guardai intorno, ma non scorsi sulle facce degli altri clienti seduti ai tavolini del caffè Ribò, né sui passanti di fretta o in flemma attraversanti la piazza, lo stupore che di certo si mostrava sulla mia.

mercoledì 29 giugno 2016

Otto, postino ribelle

di Paolo Brondi
(Commento a Ingeborg Bachmann, Malina, Adelphi, 2003)

Preziosa ed ancora oggi profetica è la produzione in versi e prosa di Ingeborg Bachmann (1926-1973, foto), per farci immaginare, ed ancor più per difendere, un modello di cultura non dogmatica o monolitica, ma dialettica e polemica: la cultura che ha la voce dell’intelligenza e del sentimento. Una voce capace di rompere il gelo, il silenzio, l’indifferenza che spesso dilaga fra i più, causa la restrizione delle opinioni e delle scelte entro isole d’interesse egoistico e pregne di scontati pregiudizi.

martedì 28 giugno 2016

Ricerca di una rosa

di Marina Zinzani

Senza sapere
senza voltarsi
un uomo cerca vie di fuga:
innamorarsi di un animale
iniziare un nuovo hobby
tentativi
passioni per qualcosa.
Ricerca dell'immagine
di un'altra persona, alla fine:
via di fuga
ricerca di una rosa fra rovi e spine 
per avere un po' di ossigeno.

venerdì 24 giugno 2016

Nessun uomo è un'isola


No man is an island entire of itself (John Donne, Londra 1572 – 1631)

(ap) Lavoro, studenti, turismo. Ma anche economia, istituzioni e politica. Il rischio di un terremoto coinvolge tutti i settori sociali dopo l’annuncio dell’esito del referendum sull’uscita della Gran Bretagna dall’Europa. Gli stranieri residenti nel paese si interrogano sul loro futuro diventato all’improvviso ancora più precario ed incerto, e le borse europee tremano, registrando crolli storici.

giovedì 23 giugno 2016

Piccole gocce sulla foglia, il sogno di un professore

di Marina Zinzani

Parlare di Leopardi durante un’ora di lezione. Il professore sa cosa deve dire, è anni che le dice, quelle cose. Sono anni che illustra Leopardi e vede volti distratti, svogliati, insofferenti: ragazzi a cui non interessa minimamente sapere qualcosa su quel poeta, su altri poeti.

mercoledì 22 giugno 2016

Quando saremo approdati

di Giovanna Vannini

Stupiscimi ancora
come l’inizio oramai già in memoria.
Avvolgimi
nelle spire della tua fragranza in abbraccio.
Invadimi
di versi sussurrati sul collo.

martedì 21 giugno 2016

La fantasia smarrita

di Cristina Podestà 
(Commento a Brondi, Magia del regolo, tra fiaba e tecnologia, PL, 12/6/16)

Regolo è termine che riconduce a molte realtà: alla stella della costellazione del Leone, ad un calcolatore meccanico, ad un tipo di uccello protetto. Il mondo contadino di un tempo era davvero ricco, non di pane, bensì di tutto ciò che manca al giorno d'oggi, in cui abbiamo in abbondanza pane e companatico.

domenica 19 giugno 2016

Passeri sui fili

di Marina Zinzani

La parabola discendente di un artista
i silenzi di una relazione
la pelle invecchiata
la perdita di certezze
il disincanto
l'invidia celata
il tempo che sembra degli altri:
invecchiare
animo triste e disincantato
fame di un cibo 
di cui si è solo percepito l'odore.

giovedì 16 giugno 2016

Ikebana: la vita oltre la brevità

di Marina Zinzani

La purezza di una forma che suggerisce parole lievi: delicato, raro, fragile.
La vita breve dei fiori catturata, semplicità che si lega alla bellezza.
Come ogni cosa fragile ha il respiro  di un attimo, ed è preziosa l'armonia che regala.

martedì 14 giugno 2016

Mio fratello è figlio unico

di Marina Zinzani
(Dedicato alle vittime di Orlando, USA, e non solo)

Chi si butta da una finestra. Chi tace tutta la vita. Chi decide di parlare, spesso pentendosi. Chi cerca nella famiglia parole che non verranno. La comprensione che arriva troppo tardi. Chi si sente sbagliato in un corpo sbagliato. Chi cerca un affetto scrutando sguardi, cercando di percepire segnali. Chi si trova al momento sbagliato nel posto sbagliato. E muore, come ad Orlando, in un attacco terroristico.

lunedì 13 giugno 2016

Da brivido la prima notte in tenda

di Valeria Giovannini

Mai dormito in tenda in vita mia. Mio figlio vuole passare una notte avventurosa e cosa non si fa per i figli? Così, a 1600 metri di altitudine, nel prato di un maso sperduto in mezzo a boschi nei pressi dello Stelvio e lontano da tutto, lo accontento. È pure il suo compleanno. Mio figlio e io, sua complice sconsiderata, sotto un cielo di stelle.

domenica 12 giugno 2016

Magia del “regolo”, tra fiaba e tecnologia

di Paolo Brondi

Ci sono libri che vengono pubblicati e pubblicizzati con gran stuolo di immagini e fanfare. Altri, pur d’indubbia rarità e bellezza, restano nell’ombra e quasi ignorati. È il caso del libro che s’intitola Il Regolo (Libreria Editrice Fiorentina, 1978).

sabato 11 giugno 2016

Di mattina, un giorno d'estate

di Marina Zinzani
(Ascoltando Una mattina d’estate di Patty Pravo)

La vita fra le mani
negli odori del mattino
i fiori, i bambini, le vacanze
il sole riscalda
promessa di ore
particelle di gioia raccolte.

giovedì 9 giugno 2016

Tracce di lei

di Giovanna Vannini

Dondolò sui tacchi, troppo alti per una pausa caffè di metà mattino, poco adatti al suo passo, con quelle sue ginocchia che anticipavano il resto e il busto che a scatti le seguiva. Lasciò il bar, non si voltò. Per la prima volta da quando ci conoscevamo, non mi sembrò nulla di che e rimasi perplesso dell’averla ritenuta affascinante e desiderabile.

mercoledì 8 giugno 2016

La stanza dai mille segreti

di Marina Zinzani

La stanza della memoria
la stanza dei giochi
la stanza delle parole, confidenze
la stanza dei doveri
la stanza degli odori, il cibo
la stanza del silenzio, musica
la stanza degli sguardi dalla finestra.
L’uomo che passeggia
alberi e foglie secche attorno a lui
ha dentro una stanza segreta
con profumi che non ci sono
colori che non sono così luminosi nella realtà
immagini difficili da spiegare.

martedì 7 giugno 2016

A mano a mano

di Marina Zinzani

(Ascoltando la canzone di Rino Gaetano)

Riso davanti ad una chiesa bagnato dalla pioggia. Piove, piove, piove... Cartolina di qualcuno, momento felice, la dea della bellezza e la sua luce che avrà illuminato la sposa. Piove... Da un bar una canzone di Rino Gaetano, "A mano a mano". Un murales a pochi passi, con una frase di Ovidio: "La bellezza è un bene fragile".

lunedì 6 giugno 2016

Lo strano percorso del vivere

di Paolo Brondi
(Commento a G. Vannini, Ricordi, a tenermi compagnia, PL, 30/5/16)

L’esperienza del “quando me ne andrò” serve per penetrare nel profondo della vita. Un andar via come sentimento vivo, trasparente, transitivo, attraverso cui scrutare i segni interiori del vivere umano. E’ un sentimento scrutato dentro la vita, dietro le fibre erose dell’essere del tempo e dei ricordi: una sorta di percorso di esperienze di identità o specchio temporale in cui si squaderna il senso di una ricerca dell’anima e, molto probabilmente, anche di una vicenda poetica.

domenica 5 giugno 2016

Nibali, passione da ragazzo

di Giovanna Vannini

Le lunghe braccia da trampoliere incollate al manubrio, la testa comanda, la schiena segue, le gambe spingono. Lui non c’è per nessuno, in perfetta simbiosi coi pedali, in amore con le ruote.
Una tempesta di primavera porta l’inverno, la neve bufera sui muscoli tesi, schiaffeggia il volto, gela le ossa. Lui squarcia quel caos fuori stagione, vince.

venerdì 3 giugno 2016

Alla ricerca delle lucciole

di Paolo Brondi

Non lontano era il podere dello zio, fratello di mio padre, e da lui ero frequentemente ospitato, durante l’estate, a coronamento della promozione da una classe all’altra. Nell’aria quiete e serena della campagna era tutta una festa di voli, di luci, di strilli. Costretto per lunghi mesi a star chiuso in un’aula, non resistevo più alla voglia di correre folleggiando libero per i campi, di fare scorpacciate di frutti e poi quando mi sentivo stanco, di distendermi lungo gli argini di un fiumicello dove l’erba discendeva verde, disseminata di fiori, fino al pelo dell’acqua.