Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

domenica 25 dicembre 2016

Natale: il senso della preghiera

di Marina Zinzani

Inginocchiarsi e ascoltare la terra, i suoi suoni, i suoi ricordi. Ricordi di ferite, di battaglie, di sangue versato. Inginocchiarsi e guardare il cielo, c’è qualcuno lassù che può sentirci?
Inginocchiarsi e pregare. Pregare davanti a dei fiori, che ne possano sbocciare altri, altri fiori che siano gentilezza, fraternità, amore. E’ forse lì Dio, in quella espressione della vita che palpita, nella bellezza stupefacente di un fiore e nella sua fragilità. Preghiera per ricercare il bene sepolto, antico.
E allora quel cielo apparirà più azzurro, le nubi grigie saranno spazzate via, un vento, portatore di cose buone, sfiorerà le nostre mani unite nella preghiera. Voce nel silenzio, in mezzo ai fiori ritrovare l’umanità, mentre scivola dalle mani ciò che di brutto c’è nel mondo. Mani unite, l’unione con Dio e con gli uomini.

Nessun commento:

Posta un commento