Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

sabato 14 gennaio 2017

Quando a stonare è la politica

di Paolo Brondi

La dissonanza che, nella musica, nella letteratura, nelle arti in genere, è il segno della molteplicità caotica, del pensiero debole, del non senso della realtà, può essere anche la categoria che ci aiuta a caratterizzare certi accadimenti politici.
Dissonante appare il gioco politico quando si fa difficile, problematico, conflittuale, incapace di fermarsi all’evidenza, scivolando sempre più spesso nel melodramma di scontri all’insegna di passioni assolute o della magniloquente retorica di parole solenni; o quando trasforma gli eventi in commedia, senza avvedersi che, nella commedia, prima o poi cala il sipario.
E, come un tipo di musica procede incautamente verso la stonatura, la disarmonia e, in definitiva, verso la propria negazione, così la prevalente e duratura disarmonia politica equivale a malattia ed esaurimento della politica stessa. Nel tempo in cui una certa politica si scompone nella catastrofe della sua negazione, le voci si abbrutiscono nell’anti melodramma del grigiore dei pronunciamenti, nella monotonia della sfilza di promesse senza ornamento e, soprattutto, con il nulla come referente. Forse quelle voci sono l’eco della dissonanza che nasce non dalla neutralità delle cose, ma dal profondo della natura umana e del suo universo inconosciuto. Per converso, la risoluzione della dissonanza significa riconquistare, parafrasando Nietzsche, il “grande stile” della politica, come capacità di comporre la molteplicità conflittuale dei fenomeni e dei problemi in una sintesi unitaria e predittiva di significato.

Nessun commento:

Posta un commento