Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

venerdì 28 aprile 2017

La playstation del cosmo

L’artista: poche parole, solo un gioco di immaginazione

di Paolo Brondi

Michelangelo, nella Cappella Sistina, nel rappresentare la creazione, raffigura la sapienza come un giovane meraviglioso e armonioso che sta giocando nell’atelier immenso del cosmo. E’ un gioco puro, disinteressato: l’artista quando sta creando si diverte infinitamente, trascende le sue miserie, perde la sua sofferenza fisica.
E’ vero quello che diceva Blaise Pascal: “Anche con il più disperato dolore di denti, quando il pensiero avvolge la mente nella creazione, tu riesci a superare la sofferenza, sei veramente capace di passare oltre la radice delle cose”.
Scendendo nel particolare e nel sottile, Immanuel Kant, nella Critica del Giudizio, distingue tra il gioco dell’oratore e quello del poeta: ”L’oratore dà qualche cosa che non aveva promesso, cioè un gioco piacevole dell’immaginazione; ma egli toglie anche qualcosa a ciò che aveva promesso. Il poeta, al contrario, promette poco e annunzia un semplice gioco d’idee, mentre poi fornisce qualche cosa degna di seria occupazione, con l’alimentare, giocando, l’intelletto e ravvivarne i concetti con l’immaginazione. Per conseguenza, il primo mantiene, in fondo, meno di quello che promette e il secondo più”.

Nessun commento:

Posta un commento