Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

lunedì 29 maggio 2017

La seduzione ambigua

(Modigliani)
Il corpo femminile nell’arte del ‘900: tra sogno e realtà

(ap) Una forma per la seduzione? E’ inevitabile, nelle arti visive, pensare all’immagine femminile come riassunto ineguagliabile del fascino?
Un dilemma antico, talvolta scabroso, affrontato in modi diversi, da personalità di ogni tempo. I grandi artisti del novecento, diversissimi tra loro (Amedeo Modigliani e Jules Breton, Renato Guttuso e Pablo Picasso, Giacomo Manzù e Salvador Dalì, Carlo Carrà e Giorgio De Chirico, Joan Mirò e Gustav Klimt, solo per dire alcuni nomi) hanno offerto una loro personalissima idea della seduzione declinata al femminile.
Il corpo delle donne è oggetto di ispirazione, dovrebbe essere trasposizione del concetto stesso di bellezza, ma è anche riflesso di un’inquietudine personale irriducibile ad ogni spiegazione razionale, che trae origine nel profondo delle trepidazioni– spesso irrisolte - dell’animo.
Da sempre femminilità e seduzione si confondono. Si sono sempre confuse, ma secondo percorsi differenti e talvolta imprevedibili. Nella pittura moderna sono lontane le belle apparenze per descrivere il nudo femminile, un tempo esaltato da linee morbide e sinuose, languide ed accoglienti, proprie della rappresentazione classica, e della concezione romantica.
(Dalì)
Prevalgono oggi interpretazioni diverse da quella naturalistica, questa vicina al vero e alla sensualità sempre riconosciuta alle forme femminili, che portano addirittura, nelle odierne raffigurazioni, ad un’innaturale eclissi del corpo, oggetto di radicale destrutturazione e addirittura di sperimentalismo geometrico o cubista. Come in Carlo Carrà, Renato Guttuso, Joan Mirò. Veri esempi, le loro opere, di trasgressione stilistica e concettuale, dunque di sedizione più che di seduzione.
La leggibilità della realtà attraverso il corpo umano è alterata e condizionata dall’interferenza dell’inconscio che conduce alla cancellazione delle fattezze umane, come l’arte le aveva sinora raffigurate, o al loro stravolgimento innaturale, esprimendo così elementi simbolici della distruzione del sé.
Compare in Salvador Dalì il mostruoso nella donna-scarpa o la frammentazione del corpo in una serie di particolari anatomici, autentici feticci in cui si dissolve la rappresentazione del fascino femminile o se ne offre una versione totalmente astratta.
(Guttuso)
Sogni e incubi deformanti si riversano sul corpo delle donne. Quando è rappresentato con innaturali linee geometriche allungate, come in Amedeo Modigliani, o si offrono languidamente abbandonate al sonno attraverso le immagini delle ninfe dormienti di Giorgio De Chirico, Figure che si segnalano per la loro vulnerabilità e passività, tanto da determinare un effetto solo straniante ed irreale. La seduzione è spaesamento di fronte alla realtà, quei corpi trasmettono una inquietante sensazione di distanza ed estraneità.
Trova rispondenza in queste opere l’osservazione provocatoria secondo cui la seduzione, specie del corpo femminile, non appartiene alla sfera della natura ma a quella dell’artificio e del segno rituale (Jean Baudrillard, De la sèduction, 1979).
Il nudo non sopravvive come genere, anche letterario, celebrativo della bellezza, piuttosto emerge la crescente ambiguità del fascino esercitato dal corpo delle donne, declinato in differenti linguaggi che abbandonano definitivamente il mito della esaltazione del femminile per affidarsi allo sperimentalismo. Alla fine si delinea una prospettiva deformante che esprime la forza travolgente ma anche eversiva dell’immagine.
(De Chirico)
Tra miti e realtà, riti e misteri, il corso tormentato degli eventi indica che la femminilità rimane seducente quando allude all’ignoto, al differente, all’altro da sé, al segreto inconoscibile. La meraviglia della sua rappresentazione non può prescindere da quello sguardo ammirato che dall’esterno è capace di cogliere il corpo nella sua essenza: artefice di un’esperienza di vita unica ed ineguagliabile nella sua originalità.
È la sola dimensione capace di vincere i momenti dell’abbandono, la passività del sonno perturbante o infine la frammentarietà delle componenti esistenziali, e di risvegliare infine il corpo ai significati interiori del rituale seduttivo. Che sono riconducibili ad un'unica misura, l’incontro con l’altro come soggetto e non oggetto. Mai contatto anonimo ed estraniante, ma incarnazione di una relazione con una vita particolare, il suo mistero, in cui è racchiuso il nome proprio dell’altro da sé.

Nessun commento:

Posta un commento