Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

giovedì 6 luglio 2017

Il destino eterno del rag. Fantozzi

I nostri limiti: la lezione che accomuna stranamente il rag. Fantozzi alla Silvia di Giacomo Leopardi

di Marina Zinzani
(Commento a Uno sguardo, oltre le finestre di casa, PL, 4/7/17)

Fantozzi ci ha lasciato. O meglio Paolo Villaggio, ma è un po’ come se fosse morto il suo personaggio. Ci siamo riconosciuti tutti, in Fantozzi: nel suo senso di vita limitata. Un recinto, fatto di filo spinato invisibile, che rendeva impossibili i suoi tentativi di fuggire, improbabile la sua trasformazione.

Fantozzi rimaneva Fantozzi, un perdente, schiavo, patetico, divertente, desolante. Se uno guarda le sue storie, che ci hanno fatto tanto ridere, viene proprio suggerita questa parola: limite. Faceva quello che poteva in un campo ristrettissimo. Cioè poco, cioè male.
“A Silvia” di Leopardi è una poesia che tutti abbiamo studiato a scuola. L’abbiamo imparata a memoria, comprendendo bene il suo significato: la fugacità della vita, le sue promesse non mantenute, il pensiero che diventa parte così intensa più dell’azione stessa, in una sorta di innamoramento celato, che nutre ma inespresso.
Anche “A Silvia” esprime un limite. Ben più considerevole di quello fantozziano, ma i due aspetti, apparentemente così diversi, hanno alcune analogie.
Non si spicca il volo. Molto difficile. Illusione per le promesse non mantenute, illusione per una vita impossibile da cambiare. Restano celle e considerazioni struggenti.

Nessun commento:

Posta un commento