Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

sabato 12 agosto 2017

Er paguro mpertitente


Poesia di Vespina Fortuna

Un giorno camminando sulla rena
vidi quarcosa che brillava al sole
‘na conchija de ‘na certa mole
che presi in mano senza damme pena.

Come se fa pe’ risenticce l’onde
me l’accostai all’orecchia mia curiosa
e aspettai de intende quarche cosa
scostando bene le treccette bionde.


Drento a la tana ce stava er proprietario
che, come ‘ntese quarcuno sulla porta
volle sortì da quella casa storta
pe’ vedé chi era e a quell’orario.

S’affacciò dunque e, co’ gran sorpresa
se ritrovò davanti a n’artra tana
e come quello che allegro s’allontana
fece fagotto pijanno la discesa.


L’orecchia mia nun solo sentì er mare
ma dopo er pizzicore dell’impatto
puro se diedi subbito lo sfratto
quello decise de volé restare.

Amico mio, si trovi ‘na conchija
lassela luccicà sopra la rena
perché non poi capì quant’è la pena
che Dio nun voja, a  un tarlo se somija.

Nessun commento:

Posta un commento