Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

lunedì 28 maggio 2018

Nostalgia delle cicale

Il paesaggio di quando eravamo bambini, le emozioni che la tecnologia non può scolorire

di Cristina Podestà 
(Commento a Nuvole in chiaroscuro, PL, 23/5/18)

Il racconto è straordinariamente bello ed empatico. Evoca immagini dentro le quali ognuno può entrare e vivere in sintonia. Certi ricordi li sentivo raccontare, ancora io bambina, da mia madre che ripeteva spesso le sue esperienze infantili a contatto stretto con la natura che, già nella mia infanzia, non erano più tali.
La bellezza e la freschezza del paesaggio e della complicità tra pari risveglia la parte migliore dell’animo umano a provare sentimenti ed emozioni scoloriti con la tecnologia, con gli studi aridi senza cura del congiuntivo e senza che alcun insegnante legga o consigli “La capanna dello zio Tom”.
Leggere pagine come questa riconcilia col mondo, quello vero, quello reale, quello delle cicale e delle lucciole, quello cantato dai nostri poeti e qui si riscopre l’animo e la penna di un immenso poeta.

Nessun commento:

Posta un commento