Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

venerdì 4 maggio 2018

Il riverbero del sole

Morning sun, di Edward Hopper
Lui più anziano, lei molto più giovane: la cronaca offre mille casi di amori difficili. Che a volte finiscono tra pettegolezzi e inganni

di Marina Zinzani

Ci sono storie d’amore non a lieto fine, che diventano terra di commenti, pettegolezzi, giudizi. Lui, lei, lui doveva, anche lei però. Diventano anche terra di silenzi, se sono storie segrete, consumate in camere nascoste, senza potere raccontare a nessuno dell’inizio, e della fine.
Altre volte sono vissute alla luce del sole, e il riverbero del sole diventa cosa fastidiosa, perché si accompagna solo ai ricordi.
Gli altri e le storie d’amore: chi le vive deve esporre, raccontare, o decide non farlo, ma si intuisce subito la discrepanza fra un sentimento e mille opinioni, senza considerare ciò che ha portato una persona a fidarsi di un’altra, a fare un cambio di vita, a sentire una nuova brezza nei suoi giorni, a lasciarsi andare ai sogni e all’appagamento di una storia che sembrava destinata a durare.
Ecco, cosa c’entrano gli altri con i loro giudizi? Possono capire il diventare docili, dolcemente succubi,  amorevolmente incantati per un corpo, una voce, un’anima? Possono comprendere le debolezze, la paura della solitudine, le ore tarde della sera e il vuoto di una casa, e una presenza che diventa zattera, salvezza da un naufragio?
I pettegolezzi uccidono l’amore, pianta che va sempre protetta. E quando l’amore finisce, la cosa migliore sarebbe chiudere le finestre, non parlarne, dire il meno possibile. Per salvaguardare quella parte di se stessi che ci ha creduto, puerile, buffa, stupida forse. Ma umana, e viva.

Nessun commento:

Posta un commento