Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

martedì 16 ottobre 2018

Scrittura al tempo del digitale

(A Silvia, manoscritto 1828)
Nella grafia, le tracce nascoste del nostro io

di Cristina Podestà
(Commento a Allo specchio, PL, 10/10/18)

La comunicazione non verbale è essenziale per conoscere l'individuo nella sua complessa identità.
Ogni movimento diventa parola, ma solo pochi sanno percepire, interpretare, capire il gesto e le sue sfumature.
Il corpo non mente. E la grafia ancor meno. Con i gesti si tradiscono i veri pensieri perché  possiamo controllare le parole ma non la gestualità e la postura, legate all'inconscio e, perciò, difficili da pilotare.

Si rielabora il nostro io, la nostra intimità quando scriviamo! La grafia è come un prolungamento della mente, il gesto grafico corrisponde alla vita interiore.

Nessun commento:

Posta un commento