Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

venerdì 10 agosto 2018

Come una favola?

La felicità e la tristezza, così diverso l’eco nel vivere quotidiano

di Giovanna Vannini

Come nelle favole, dice il testo di una canzone di Vasco Rossi. La vita non è una favola, nemmeno quando si ha la prosopopea di crederla tale. C’è una falsità di fondo. La felicità, ammesso che di questa parola se ne faccia un uso non improprio o se ne abusi, è fatta solo di attimi, di momenti, che magari nel momento stesso in cui si vivono, nemmeno ce ne rendiamo conto.
E’ nel ricordo, nella memoria, che se ne ha la gradevole percezione, il gusto, il tatto. Solo rimembrando si prova la giusta emozione, si percepisce davvero e finalmente.
Per la tristezza è tutta un’altra cosa. Quella ti monta, ti smonta, ti allaga, ti accompagna, non ti molla. E quando uno dice scusa, mi son fatto prendere da un attimo di tristezza, mente. Lei resta, si annida, sopravvive.
Come nelle favole. Appunto son favole. Sistemate, adattate, dai finali che mutano a seconda dell’età a cui son rivolte. Anche della moda e del momento storico, risentono le favole. Stupidaggini? Può darsi.
Scrivere serve a questo, scrivo quello che l’anima mi suggerisce, perché è di quelle precise parole, di quel preciso pensiero, che ho bisogno, qui e ora.
Dicono che l’arte e gli artisti, divennero tali, quando smisero di creare su commissione. Perché no, ci sta tutto. Sono vero nel mio fare quando sono libero di farlo nella maniera in cui per me sento.
Ma torniamo alle favole, alla felicità, alla vita. Magari domani.

Nessun commento:

Posta un commento