domenica 5 luglio 2020

Petali di rosa

Franz Dvorak

Le sfumature di un volto sulla tela


di Giovanna Vannini

Mi turbò. Stavo dando le ultime pennellate, gli ultimi ritocchi, l'ultima occhiata d'insieme prima di decretarmi che avevo finito. Lei invece pareva essere entrata nella tela: immobile eppur movente, statica nel volto eppur ricca di infinite sfumature di emozioni.

sabato 4 luglio 2020

Rimanere innocenti

Di fronte alle imposizioni che hanno disegnato il mondo, il bisogno di innocenza


di Maria Cristina Capitoni

Era durezza allora
quella vera
gestita da intelletti intransigenti
a difesa di recenti conquiste
a sangue fresco

venerdì 3 luglio 2020

Pietra viva

Garfagnana (foto ap)

Battiti, oltre la roccia


di Lorenzo Mullon

Prima di addormentarmi tenevo le mani sul petto
pensando alla montagna
alle rocce
e sotto le dita ho sentito il cuore
battere fortemente come una pietra viva

giovedì 2 luglio 2020

La percezione del tempo nella nuova normalità

(Giorgio de Chirico)

La contraddittoria percezione del tempo del lockdown: l’infinito presente, non più codificato da impegni, che ci ha disorientato ma anche offerto possibilità sconosciute


(Angelo Perrone) Ora che siamo ripartiti, dobbiamo ricordarlo. Ci portiamo appresso un bagaglio anomalo. Le sensazioni provate mentre le libertà erano limitate, le realtà dimenticate e riscoperte nella strana condizione di reclusi in casa. Sarà utile rammentarlo, prima che la memoria sfumi.

Strani incontri

Incontri che danno inizio a nuove amicizie


di Cristina Podestà

Una sera di tardo autunno, con un tempo terribile, due anziani in viaggio furono costretti a fermarsi per la notte. L’unico riparo che trovarono sul loro percorso fu un hotel molto elegante e apparentemente raffinato.

mercoledì 1 luglio 2020

La strana giornata

Palazzo blu (Pisa)

Una mostra di pittura, e l’incontro inaspettato con quell’uomo


di Cristina Podestà

Distinto, l’incedere squisito, un vero signore. Il suo sguardo mi cattura, m’intriga, mi stringe lo stomaco. Chi è, chi sarà? Perché si trova qui, a Palazzo Blu a Pisa, alla mostra di Escher? Perché mi guarda con tanta insistenza?

Spiragli

Fregene (foto ap)

Basta un raggio di sole a farci intravedere il ritorno alla normalità


di Cristina Podestà

In un mattino di prima estate ho ritrovato il sole. Era un sole diverso, brillante, ancora profumava di solstizio, era giovane, forse un po’ arrogante ma splendido e spettacolare. La giornata prometteva il meglio, l’umore era alto, la gente intorno sorridente.

martedì 30 giugno 2020

I sette fratelli

(foto ap)

Un orizzonte insolito al confine tra terra e mare: le vette che attendono le nubi lontane


di Bianca Mannu

Arcionati in cresta – sette!
Come i sette peccati capitali –
vicine le teste sul corto collo
a confabulare oscuramente
di orrende cose di terra e di mare.

Cose futili

Le chiamano futili quelle cose, che forse ci danno il gusto della vita


di Marina Zinzani

Le figurine
i calciatori come amici, compagni, miti, piccoli dei
i vestiti delle bambole
la porto a passeggio, si fa bella stasera

lunedì 29 giugno 2020

Volare

Lontano dal giogo della mente, provare a respirare


di Maria Cristina Capitoni

Cattivo con prudenza
un urlo feroce e sommesso
che non dà senso
al tuo vivere
ma solo temporaneo sfogo
a quel giogo che circonda
la mente
non saresti niente fuori
da quel mondo