Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

mercoledì 25 febbraio 2015

Spericolato quel crinale


(ap) Cambiano le regole sulla responsabilità civile dei magistrati, la velocità del decidere ha fatto aggio sulla riflessione.
“Un passaggio storico”, è stato annunciato trionfalmente. Forse, la storia si nutre d’altro. Finalmente, “la giustizia sarà meno ingiusta e i cittadini saranno più tutelati", è stato proclamato.
Concetti di alto rilievo, che meritavano una diversa attenzione e soprattutto un’applicazione rivolta ai nodi veri del sistema giustizia, quelli che la bloccano, che la fanno arrancare, e indietreggiare, e che la trasformano nel suo contrario, la  malagiustizia.
Intanto, tra le conquiste spicca – nella sua singolarità – l’introduzione della nuova causa di responsabilità per danni, costituita dal “travisamento del fatto e della prova”. Una formula ambigua e pericolosa che si sporge, in modo devastante e minaccioso, su un crinale difficile e discutibile, di dubbia costituzionalità, quello che del sindacato – si badi bene, al di fuori dei  legittimi meccanismi di controllo processuali – sull’interpretazione della legge. Che spetta al giudice.
Nulla accade senza che abbia un valore simbolico e una ricaduta sul sistema. In questo caso, la forza del pregiudizio ha trasformato il tema sacrosanto della responsabilità in altro da sé, identificando in questo tema la radice e la causa di un disservizio, che è sotto gli occhi di tutti, e le cui cause sono tanto radicate nel tempo quanto diffuse nella loro stratificazione sociale.
Le parole altisonanti tuttavia non possono riempire il vuoto lasciato dall’assenza di riforme efficaci: le regole del processo e delle impugnazioni, la disciplina della prescrizione, le disfunzioni organizzative, la mancanza di risorse umane e materiali, il difetto di innovazione, il trascurato ripensamento della funzione della sanzione penale.
Nemmeno per ultimo arriva il pensiero di salvaguardare una casta o la preoccupazione  inconfessabile di giustificare l’errore intollerabile, tanto più se doloso o gravemente colposo, come è giusto che sia in uno Stato ancora di diritto. Né la pavidità, di fronte ad una simile forte sollecitazione, può spingere a preferire soluzioni meno rischiose, come l’interpretazione conformista della legge, le scelte operative comode, una giurisprudenza cautamente difensiva.
Piuttosto, se l’indifferenza per la funzione della giustizia faceva intravedere a Salvatore Satta, già nel 1948, una “condizione malinconica del magistrato del nostro tempo”, sono talvolta proprio i passaggi storici decantati che rendono problematico l’assolvimento del compito indicato, l’altro giorno, dal presidente della Repubblica ai nuovi magistrati: “l’ordinamento esige che il magistrato sappia collegare equità e imparzialità, fornendo una risposta di giustizia tempestiva per essere efficace, assicurando effettività e qualità della giurisdizione”.  Chi mette il magistrato in condizione di farlo?
Non è proprio difficile individuarne le ragioni, anche attuali. Può bastare sfogliare un vecchio libro, “L’elogio dei giudici”, sul quale tutti ci siamo formati, il testo più saggio e illuminante, non a caso scritto da un avvocato, Piero Calamandrei,  membro della Costituente, partigiano, che ammoniva: “Il pericolo maggiore che,  in una democrazia, minaccia i giudici è quello dell’assuefazione, dell’indifferenza burocratica, dell’irresponsabilità anonima”.

Nessun commento:

Posta un commento