Pagine Letterarie

Pagine Letterarie
(foto ap)

martedì 18 ottobre 2016

Arrivare tardi?

di Cristina Podestà

Breviario scolastico (PL, 15.10.16) tocca corde delicate. Argomenti che sfuggono ai più, alla gente che si è dotata di ultimissimi modelli di auto o di iPhone, ma che ignora totalmente la conoscenza del sé e dell'altro. Essere conformi, oggi, significa essere riconosciuti e accettati, 'famosi' secondo il concetto di fama proposto dall'industria televisiva o diffuso dai social media.
Se riconosciuto dagli altri, l'individuo riconosce e accetta se stesso; e, preso nel vortice di questo circolo vizioso, trascura qualunque valore gli possa essere stato trasmesso da scuola o famiglia.
I giovani rinnegano le proprie esigenze personali rispetto alla moda, ai gusti dei più, diventando indistinti ed indistinguibili, omologati e massificati. La cosa più terribile e complessa, per la quale non si intravede soluzione, è lo smarrimento che procura l'eccessiva rapidità tecnologica. I giovani appaiono disorientati, ansiosi in modo compulsivo, devastati dal pensiero di "arrivare dopo e tardi". Tutti pretendono da loro prestazioni veloci e perfette, tenendo conto che veloci e perfetti possono essere i robot o le macchina. L'essere umano ha emozioni e potenzialità personali sfaccettate, che ne costituiscono la specificità e la bellezza. Non possiamo fare di più! 

Nessun commento:

Posta un commento